Euroinomani

L'EURO E' UNA FOLLIA: LO DICEVA ANCHE DRAGHI, LO DICONO TUTTI

di Alessandro Montanari

La notizia è di quelle clamorose: anche Mario Draghi giudicava l'euro una sciocchezza economica. Erano gli anni Settanta ed il futuro presidente della Bce, allora studente di Economia alla Sapienza di Roma, seguiva appassionatamente la dottrina di Federico Caffé. “Chi frequentava le sue lezioni – ricorda Draghi in un'entusiastica biografia di Stefania Tamburello – lo vedeva come un modello a cui ispirarsi”. Come detto, però, la rivelazione non sta tanto nella curiosa infatuazione giovanile per le teorie keynesiane, quanto piuttosto nella tesi di laurea che guadagnò al promettente economista la lode accademica e l'incarico, ambitissimo, di assistente personale del Professor Caffè. S'intitolava “Integrazione economica e variazione dei tassi di cambio” e, come ammette lo stesso Draghi nel libro della Tamburello (Il Governatore, Rizzoli, 2011, pag. 23), sosteneva “che la moneta unica era una follia, una cosa assolutamente da non fare”.

Ora io non so che cosa direbbe il Draghi del whatever it takes del Draghi euroscettico. Immagino però che l'intellighenzia di Bruxelles lo taccerebbe di populismo, abusando di una categorizzazione liquidatoria che non riesce più a contenere, né per il numero né per il profilo, la ragguardevole polifonia di quegli economisti che hanno rilevato l'anomalia strutturale dell'euro. Siccome ho l'impressione che questa sensibile inversione di tendenza ancora sfugga, ve li citerò uno ad uno, esponendo sommariamente il nucleo essenziale di ciascuna critica. Prima però sento il dovere di ringraziare tutti quegli “eretici” che decisero di aiutare una piccola trasmissione di Raidue a sfidare il silenzio dei media sul problema dell'euro. Ringrazio Alberto Bagnai per averci prestato la puntigliosa sostanza dei suoi studi; ringrazio Paolo Barnard per le sue memorabili requisitorie; ringrazio Claudio Borghi, Antonio Rinaldi e Nino Galloni per essersi misurati in mille duelli con i campioni del pensiero egemone. Un ringraziamento speciale, tuttavia, va a Giulio Sapelli e a Bruno Amoroso, i nostri due “Prof”, che su quei dibattiti furibondi aprirono l'ombrello protettivo della loro indiscutibile, e generosa, autorevolezza.

Ora però devo cominciare la lista degli economisti “populisti” e, se permettete, inizierei dai Nobel. «La spinta per l'euro – sostiene, già nel 1997, Milton Friedman, padre del neo-liberismo - è motivata dalla politica, non dall'economia. Lo scopo è quello di unire la Germania e la Francia così strettamente da rendere impossibile una possibile guerra europea e di allestire il palco per i federali Stati Uniti d'Europa. Ma io credo che l'adozione dell'euro avrà l'effetto opposto. Esacerberà le tensioni politiche convertendo shock divergenti, che si sarebbero potuti prontamente contenere con aggiustamenti del tasso di cambio, in problemi politici di divisioni”.

"Adottando l'Euro – prevede, nel 1999, anche il keynesiano Paul Krugman - l'Italia si è ridotta allo stato di una nazione del Terzo Mondo che deve prendere in prestito una moneta straniera, con tutti i danni che ciò implica". Oggi, però, il Nobel del 2008 appare ancor più convinto ed agguerrito di allora: "L'Europa - insiste - non era adatta alla moneta unica, come invece gli Stati Uniti. E questo è uno dei principali motivi della fragilità del sistema Europa, almeno fino alla creazione di una garanzia bancaria continentale. L'Europa (…) ha sbagliato a scegliere la propria governance e le istituzioni per il controllo della politica economica. E' però ancora in tempo per rimediare...".

Altro famigerato “avversario” dell'euro è Joseph Stiglitz. La critica del Nobel del 2001 sta tutta in una celebre, lapidaria, battuta: "Questo disastro è artificiale e in sostanza questo disastro artificiale ha quattro lettere: euro". Anche Amartya Sen, nel maggio 2013, esprime un drastico giudizio sulla moneta unica: “L'euro - confida al Corriere il Nobel del '98 - è stato un'idea orribile. Lo penso da tempo. Un errore che ha messo l'economia europea sulla strada sbagliata. Una moneta unica non è un buon modo per iniziare a unire l'Europa". Altrettanto clamore desta il discorso fatto da James Mirrlees, Nobel per l'Economia nel 1996, alla Cà Foscari di Venezia nel dicembre 2013: “Guardando dal di fuori, dico che non dovreste stare nell'euro, ma uscirne adesso. L'uscita dall'euro non risolverebbe in automatico i problemi dell'Italia visto che rimarrebbero le questioni derivanti dalle politiche adottate dalla Germania. Ma finché l'Italia resterà nell'euro non potrà espandere la massa di moneta in circolazione o svalutare: ecco perché s'impone la necessità di decidere se rimanere o meno nella moneta unica (...). Probabilmente dovreste sostenere il costo di un'eventuale uscita, come avvenuto in Gran Bretagna, ma dovete essere pronti a pagare questo prezzo”. Chiude il panorama Christopher Pissarides. Nel dicembre 2013, nel corso di una lectio magistralis subito amplificata da DailyMail e Telegraph, il Nobel del 2010 va dritto alla soluzione: “Per creare quella fiducia che i Paesi membri una volta avevano l'uno nell'altro è necessario abolire l'euro".

La sequenza dei Nobel fa impressione. Ma numerosi altri economisti di indubbia fama, in questi anni, hanno infranto il tabù dei problemi dell'euro; ed io credo che, alla vigilia di una campagna elettorale che tenterà di costringere gli avversari dell'euro alla pubblica abiura, sia giusto e doveroso darvene conto.

Sul Corriere del 14 marzo scorso l'ex governatore della Bank of England, Mervin King, pronostica che “l'eurozona, in mancanza di un reale cambiamento, precipiterà di nuovo nella crisi”. “Senza l'unione fiscale – è il ragionamento di King –, l'unione monetaria è stata prematura, un terribile errore. (…) La disoccupazione, in particolare quella dei giovani, è così alta che non sorprende vedere l’ascesa di nuovi partiti politici che incolpano l’unione monetaria. Vengono liquidati come populisti, ma le loro critiche sono basate su fatti economici che le élite non capiscono”.

Un altro ex governatore centrale, Antonio Fazio, aveva espresso valutazioni analoghe nel 2016: “Dentro la stessa moneta non ci può essere un'area che è obbligata a restare in equilibrio ed un'altra che ha un forte surplus. Stiglitz ha detto che l'euro è un'istituzione fallita. Questa persona è antipatica. ...L'unica cosa è che gli hanno dato un premio Nobel». In difesa di Fazio, subito bersagliato dai gendarmi dell'europeismo, scende in campo Paolo Savona. “Fazio la pensa come me – spiega l'ex ministro dell'Industria, ex Bankitalia, ex Confindustria ed ex Ocse in un'intervista ad Avvenire -. L'euro non è mai stato irreversibile, se non a chiacchiere. Un sistema mal costruito può durare a lungo ma, prima o dopo, deflagra. E se il Governo e la Banca d'Italia non hanno un piano B, verranno condannati dalla storia”.

Merita una citazione anche la svolta di Luigi Zingales. Da convinto sostenitore dell'euro, il rispettatissimo docente della University of Chicago - che in Italia collaborò al progetto euro-liberista di Fare per fermare il declino – ammette, con encomiabile onestà, il cambio di prospettiva. "Senza una politica fiscale comune – spiega a la Repubblica nel settembre 2016 -, l'euro non è sostenibile. O si accetta questo principio o tanto vale sedersi intorno a un tavolo e dire: bene, cominciamo le pratiche di divorzio. Consensuale, per carità, perché unilaterale costerebbe troppo, soprattutto a noi".

Una doverosa menzione spetta, infine, anche a Lucrezia Reichlin che per il Corriere della Sera ha recentemente passato in rassegna le “fragilità” dell'euro. “Dal punto di vista economico – scrive l'economista chiamata da Trichet nella struttura dirigenziale della Bce - l’euro avrebbe dovuto risolvere il problema dell’instabilità del sistema dei cambi fissi o semi-fissi adottati dall’Europa dopo la fine di Bretton Woods (...). Il problema che è apparso evidente nell’ultima crisi, però, è che la mera introduzione della moneta unica, senza istituzioni adeguate di sostegno, non garantisce la stabilità ma semplicemente tramuta le tensioni sul mercato del cambio del regime precedente in tensioni sul mercato del debito sovrano”.

Sei Nobel, due governatori centrali, un ex ministro del Governo Ciampi e due stimatissimi accademici. In tanti anni di dibattiti televisivi ho capito che titoli e credenziali possono riuscire a prevalere sulle buone argomentazioni. Per questo ho voluto ricordare che anche molti dei più accreditati economisti hanno affermato pubblicamente che l'euro è una moneta mal costruita, che ora si può solo correggere o lasciar morire. E somiglia ad una parabola del destino che questo dilemma metta ora, l'uno di fronte all'altro, i due volti della stessa persona: il Draghi di ieri contro il Draghi di oggi.

A. Montanari
Condividi questo articolo su:
Articoli correlati: