Alessandro Montanari

Giornalista e autore televisivo. Dopo gli esordi a fare di tutto nelle tv e radio locali, mi ritrovo a La Padania come un intruso essendo un varesino dalle radici meridionali e con il cuore a sinistra. Dopo dieci anni a raccontare la politica da infiltrato, scopro che nulla è come ci viene spiegato dagli organi d'informazione mainstream e con Gianluigi Paragone e altri splendidi compagni d'avventura comincio una folle missione di controinformazione televisiva, prima alla Rai, con  Lultimaparola, e ora a La7 con La Gabbia Open. Domani chissà...

Di questo autore:
Euroinomani

Cari lettori, ve lo confesso: a dieci anni dalla crisi economica peggiore della storia del capitalismo, non riesco più a sopportare le divagazioni della sinistra italiana che accuso di avere tradito consapevolmente i lavoratori e, con essi, la propria unica, vera e tuttora indispensabile vocazione storica.

Euroinomani

Quando sette anni fa, in tv, con l'amico Gianluigi Paragone proponemmo una contro-rivoluzione sovranista del pensiero politico ed economico, gli europeisti che frequentavano la nostra trasmissione sorridevano commiserevoli. Ci consideravano degli eccentrici innocui. Ci lasciavano dire, aprivano sconsolati le braccia e scuotevano platealmente il capo. A posteriori credo di aver capito le ragioni di tanta sufficienza che allora mi indispettiva più di quanto oggi mi consoli vederli in balia della loro stessa ideologia: si sentivano dalla parte giusta della storia

Euroinomani

La nostra Costituzione, nella sua inequivocabile chiarezza, non lascia margini di dubbio: “l'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro”. C'è la rappresentazione della solidità nella scelta di questo verbo, familiare al grande architetto così come al più umile dei muratori. L'Italia, ci dicono in realtà i padri costituenti, è una Repubblica democratica perché e fino a quando si fonda sul lavoro. Senza il lavoro, insomma, non si regge la Repubblica e vacilla la democrazia.